Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Dolci tipici di Pasqua’ Category

Che dite è presto parlare di colombe? Per quanto mi riguarda ora che sto meglio e posso muovermi autonomamente ho voluto provare subito a preparare la preferita dalla mia famiglia e per l’occasione ho azzardato una piccola decorazione,non apprezzata dai miei che hanno divorato la colomba in un boccone ma mi sembra una bella idea nel caso in cui vogliamo regalare la colomba “home made”

 

 

 

Non è un gran chè come decorazione,la prossima volta spero di riuscire a fare qualcosa di più bello.

Un abbraccio circolare per tutte voi!

Pubblicità

Read Full Post »

Lo so…..lo so  sono in notevole ritardo,la Pasqua è già bella e passata,ma visto che quest’anno le mie colombe le ho realizzate con il “licoli”e sono venute una bomba nel vero senso della parola,preferisco segnare subito la ricetta in modo di ritrovarla presto il prossimo anno e anche come guida da seguire per chi vorrà.

La ricetta è la stessa dello scorso anno ho sostituito il lievito madre con il lievito liquido detto “licoli” seguendo le preziossissime indicazioni di Nicodvb di cookforum.

Prima di tutto ho fatto due poolish di fila con il lievito liquido

  • primo poolish con 20 gr di lilì, 20 di acqua e 20 di farina, lasciar triplicare
  • -preparare il secondo poolish aggiungendo al primo 60 gr di acqua e 60 di farina, lasciar triplicare.

Primo impasto
Lievito liquido ottenuto con i due poolish come scritto sopra
390 gr di farina manitoba
155 gr di burro
105 gr di zucchero
3 tuorli
115 gr di acqua (in cui sciogliere lo zucchero)
4 gr di sale (da sciogliere nell’acqua sopra)
50 gr di acqua (da aggiungere alla fine)

Secondo impasto

Primo impasto (sarà circa 1 kg)
85 gr di farina manitoba
15 gr di miele
30 gr di zucchero
3 tuorli
30 gr burro fuso
vaniglia q.b.
scorza arancio q.b.

Procedimento per il primo impasto:


Impastare il lievito con i tuorli per circa 5 minuti,aggiungere i 115 gr di acqua in cui avremmo sciolto lo zucchero e il sale,il burro e tutta la farina,quando la pasta è incordata  aggiungere poco per volta i 50 gr di acqua,quando è tutta assorbita e la pasta risulta incordata,mettere in un recipiente e far lievitare in forno caldo per 12 ore coperto con un telo.


Procedimento per il secondo impasto:


Aggiungere al primo impasto farina,miele e zucchero,quando la pasta ha formato una palla,aggiungere i tuorli uno per volta,aspettando che il primo sia assorbito prima di aggiungere l’altro,poi il burro fuso tiepido in due tre volte,quando il tutto è ben amalgamato aggiungere la scorza di arancia e la vaniglia e impastare fino che il tutto risulta ben amalgamato.
Fare riposare 1 ora coperto con un panno,tagliare il pezzo in due parti più o meno uguali mettere nello stampo e dare la forma della colomba mettendo il pezzo che forma le ali per primo e sopra quello del corpo.Far lievitare per 3/4 ore (a me sono bastate due ore) fino a raggiungere quasi il bordo dello stampo.
Cuocere in forno a 180° per circa 50 minuti per pezzi da un kg. Con questa dose ho ottenuto una colomba da un kg ed una da 500gr.Una cioccolato bianco e pistacchi e l’altra pere e cioccolato.




Read Full Post »

Dovete sapere che mia figlia adora i maialini tanto che spesso mi ha chiesto di adottarne uno,per cui quest’anno l’uovo di Pasqua è diventato un maialino 🙂



Qui bello incartato insieme ad un’altro uovo tema marino che ho dimenticato di fotografare prima di incartarlo.




Con questo uovo partecipo al contest “UovOn-line al cioccolato una Pasqua AlCioccolato” del blog “La casetta di cioccolato”

Con questo uovo vi auguro una serena Pasqua,e che dentro il vostro uovo possiate trovare tutto quello che di bello vi aspettate dalla vita 🙂

Read Full Post »

……………………. di un simil tiramisù

Ecco la mia ricetta contributo all’iniziativa “99 Colombe” un gesto di solidarietà verso le Sorelle Nurzia e la loro regione,l’Abruzzo duramente colpite esattamente un anno fa da un brutto terremoto!

La mia più che una ricetta è un’idea su come utilizzare la pizza di Pasqua delle Sorelle Nurzia,da me acquistata insieme ad altri prodotti che stiamo golosamente gustando in questi giorni.

Ho preso un mezzo uovo di cioccolato e l’ho riempito con fette di pizza bagnate con caffè e bayles,ricoperto con ganche al cioccolato bianco,ho proceduto a strati fino ad arrivare all’orlo,decorato con ciuffi di ganache e una leggera spolverata di cacao amaro.

Semplice nella preparazione,ma molto gustoso e di effetto,e nella presentazione non poteva mancare la mia piccola colomba…..una delle 99.

Devo ringraziare Scattidigusto.it che ha messo a disposizione di noi bloggher 40 foto scattate da Francesco Arena,nel laboratorio delle Sorelle Nurzia durante la preparazione dei loro prodotti.


Ho scelto di pubblicare questa foto a mio giudizio molto emblematica………….rappresenta con un solo gesto quello che tutti gli abruzzesi hanno fatto dopo quella terribile notte.

Read Full Post »

ho scelto di posizionarla sul cornicione del mio balcone per facilitarle il volo verso un paese lontano,dove non sanno cosa significa vivere in pace,dove c’è il mio piccolo grande uomo a cui piace tanto questa colomba…..

Buona Pasqua a lui (quando vieni la rifaccio solo per te)

e buona Pasqua a tutti voi!

 

 

 

Le dosi che ho usato per questa colomba da un kg sono:

 

Primo impasto

 

70gr di lievito madre

200gr di farina manitoba

80gr di burro morbido

60gr di zucchero (da scioglire in 75 ml di acqua)

75ml di acqua

2 tuorli

25gr di acqua.


 

Secondo impasto

 

1° impasto

45gr di farina manitoba

8gr di miele

2gr di sale fino

20gr di zucchero

1 tuorlo

15gr di burro fuso ma non caldo

vaniglia e scorza di arancia.

 

Per la preparazione ho eseguito lo stesso procedimento che trovate qui ,una volta fredda la colomba l’ho “siringata” con crema di pistacchi,e glassata con cioccolato bianco,granella di pistacchi,pistacchi e zuccherini.

Ancora grazie Papum per questa meravigliosa ricetta!

Read Full Post »

…………forse l’ultimo…chissà

Un abbraccio a tutte 🙂

Read Full Post »


Queste sono le uova di cioccolato che ho preparato in questi giorni,tutte rigorosamente con la sorpresa all’interno….altrimenti che uova di Pasqua sarebbero?




Read Full Post »

…….con lievito madre

Ancora ricetta di Papum,pasticcere ligure autore anche della ricetta delle “Colombine”quindi una garanzia,la variazione pera e cioccolato invece è tutta di Danita.

La colomba essendo a lievitazione naturale prevede due impasti,e quindi tempi più lunghi.io ho fatto il primo impasto la sera, lasciato lievitare tutta notte,al mattino secondo impasto.Vi rimando sempre da lui per capire esattamente come procedere nelle lavorazione,eccovi la ricetta sufficente per due colombe da 750 gr.


Primo impasto


135 gr di lievito madre

390 gr di farina manitoba

155 gr di burro

105 di zucchero

3 tuorli

150 gr di acqua (in cui faremo sciogliere lo zucchero)

50 gr di acqua


Impastare il lievito con i tuorli per 5 minuti,aggiungere i 15ogr di acqua in cui avremo fatto scioglier lo zucchero,il burro e la farina,quando la pasta è legata aggiungere a filo i i 50gr di acqua,quando questa è tutta assorbita,lasciamo lievitare per 12 ore in forno (preriscaldato a 50° per pochi minuti).


Secondo impasto


Primo impasto 1 kg circa

85 gr farina manitoba

15 gr di miele

4 gr di sale

30gr di zucchero

3 tuorli

30 gr di burro fuso

Vaniglia

buccia di arancia gratuggiate

300 gr cubetti arancio(io ho sostituito con una pera e 15o gr di cioccolato)

Aggiungere al primo impasto farina,miele zucchero e sale,quando l’impasto è legato,aggiungere i tuorli uno per volta,facendo assorbire prima di versare l’altro.il burro fuso non caldo in due o tre volte,quando è tutto ben impastato e legato aggiungere i cubetti di arancio(io a questo punto ho aggiunto pezzetti di pera disidratata in forno per qualche minuto e cioccolato fondente tritato grossolonamente.

Far riposare l’impasto per un’ora,po tagliarlo come Papum indica,mettere in forma e far lievitare per 4 ore circa,comunque deve raggiungere i bordi dello stampo.

Cuocere in forno caldo a  180° per circa 50 minuti.

Quando la colomba si è raffreddata,l’ho glassata con cioccolato fuso e granelli di zucchero.Se invece volete fare la colomba classica seguite le sue indicazioni.

A noi questa versione “pera e cioccolato” è piaciuta molto,prossimamente è prevista una versione ancora diversa….

Con questa colomba partecipo al contest “Chi accompagna la colomba” che Babs ha organizzato con Genny e Dario Loison.

Read Full Post »

Papum è un pasticcere ligure che molto generosamente ha  reso pubbliche alcune sue ricette,tra cui queste colombine,per le istruzioni su come si preparano vi rimando direttamente da lui ,l’unica mia variaziante in questa ricetta è il lievito madre che ho sostituito al lievito di birra allungando i tempi di lievitazione,fra parentesi metto le mie variazioni.


Ingredienti

500 gr di Farina Manitoba
100 gr di Zucchero
100 gr di Burro
5 gr Sale
20 gr Lievito di birra (150gr di lievito madre)
2 Uova
1 Tuorlo
Vaniglia
Scorza d’arancia grattata
circa 170 gr Acqua


PROCEDIMENTO

Impastare tutti gli ingredienti con metà acqua.
Quando si è formata la palla, aggiungere poco per volta il resto dell’acqua
Quando l’impasto risulta liscio ed elastico, metterlo a lievitare per 1 ora in un luogo caldo.(io ho fatto lievitare 4 ore)



.Preparare una glassa con 200gr di zucchero semolato,100gr di farina e acqua quanto basta per ottenere una pappetta da poter spennellare senza che coli.
Spolverare con zucchero semolato e zucchero a velo
.

Trascorsa l’ora di lievitazione, tagliare dei pezzi da 100 gr.e procedere seguendo le sue istruzioni.Formate le colombine,porre a lievitare in un posto caldo fino al raddoppio.(io ho fatto lievitare tutta la notte) preparare una glassa con 200gr di zucchero semolato,100gr di farina e acqua quanto basta per ottenere una pappetta da poter spennellare senza che coli,splverare con zucchero semolate e zucchero a velo,in forno caldo a 220° per 10 minuti circa.

L’impasto è ottimo anche per preparare delle semplici brioche per la prima colazione.

E infine un pensiero di speranza e di augurio…..che queste colombine possano volare lontano a portare la pace in quella parte di mondo dove c’è gente che non conosce il significato di questa parola.



Read Full Post »